ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia: dopo gli scontri, studenti ancora in piazza

Lettura in corso:

Francia: dopo gli scontri, studenti ancora in piazza

Dimensioni di testo Aa Aa

Ieri è stata guerriglia, a Lione come a Nanterre. E i primi “casseurs” sono già passati in giudizio.

Ma oggi, promette l’Unione degli studenti francesi, torniamo in piazza per dimostrare che manifestare in modo pacifico si può.

A scanso di equivoci, dopo il mercoledì di violenze, gli effettivi di polizia a Lione sono stati potenziati e portati a 7 mila.

Ore e ore di protesta anche negli aeroporti parigini, con il blocco degli accessi per auto e pullman. La polizia è intervenuta con gli idranti. Molti i viaggiatori rimasti a piedi.

Un conflitto sociale che si radicalizza, a ridosso del voto del Senato sulla riforma previdenziale.

Davanti al palais du Luxembourg, a Parigi, migliaia di manifestanti hanno chiesto la revisione del progetto di legge.

In aula intanto la battaglia continua a colpi di emendamenti, con l’opposizione che cerca di allungare i tempi e il governo che non recede.