ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Energia e servizi urbani francesi in tilt per la protesta

Lettura in corso:

Energia e servizi urbani francesi in tilt per la protesta

Dimensioni di testo Aa Aa

A secco un benzinaio su quattro, lunghe file di macchine, imprese in difficoltà, trasporti in tilt.

È la Francia al tempo delle rivolte a ripetizione contro la riforma delle pensioni. Colpiti settori strategici come energia e servizi urbani.

Più di 3 mila su oltre 12 mila stazioni di servizio senza carburante.

Sulle 12 raffinerie del paese, una sola funziona e a ritmo ridotto. Il governo ha le mani legate, con i lavoratori che minacciano di mescolare benzina e gasolio.

È intervenuto invece con la forza, 21 volte da venerdì, per sbloccare i depositi.

Cosa che in qualche giorno, promette Parigi, dovrebbe permettere il rifornimento delle stazioni di servizio .

E intanto a Marsiglia, prima assoluta in Francia, è l’esercito a raccogliere la spazzatura, dopo che anche la nettezza urbana si è unita al movimento di protesta.

Obiettivo dei soldati: ripulire in 48 ore le 7, 8 mila tonnellate di rifiuti accumulate per le strade dal 12 ottobre scorso.