ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, continua protesta contro riforma pensioni

Lettura in corso:

Francia, continua protesta contro riforma pensioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Treni e aerei fermi, blocchi stradali dei camionisti e carburante col contagocce. E’ iniziata così la sesta giornata di mobilitazione dei francesi contro la riforma delle pensioni.

Circa il sessanta per cento dei treni non lascerà la stazione. E lo stesso vale per i trasporti in comune a Parigi e in altre grandi città.

Ma nonostante i disagi, sette francesi su dieci sostengono lo sciopero.

“Mi sono organizzato diversamente… è vero che i disagi si fanno sentire, ma spero che vadano fino in fondo”.

“Non ho trovato benzina, ho dovuto prendere i mezzi pubblici. Con il treno e l’autobus, ci ho messo tre ore per arrivare in città, e stasera sarà lo stesso”.

Cancellati più della metà dei voli nello scalo parigino di Orly. Mentre l’aeroporto di Bordeaux è stato completamente bloccato tra le sei e le otto di mattina.

Il presidente Sarkozy ha ribadito la linea della fermezza, difendendo la riforma che porta a 62 anni l’età pensionabile:

“La riforma è fondamentale. La Francia si è impegnata per questa riforma e la Francia andrà avanti proprio come i nostri amici tedeschi hanno fatto anni fa”.

Benché la riforma sia avviata a un’approvazione in via definitiva da parte del Senato entro giovedì, i sindacati non desistono. Alcune raffinerie continuano a essere bloccate e più di 2.500 stazioni di rifornimento sono rimaste a secco.