ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, sciopero: caccia al pieno

Lettura in corso:

Francia, sciopero: caccia al pieno

Dimensioni di testo Aa Aa

In Francia si teme una penuria di carburante. Contro la riforma delle pensioni, i lavoratori del settore petrolchimico bloccano le raffinerie, alcuni distributori sono ormai a corto e fra gli automobilisti si diffonde la paura di restare a secco:

“Da stamattina non c‘è più il diesel – dice uno di loro – Questo è il primo distributore in cui mi fermo, ne avevo già controllato un altro ed era la stessa cosa”.

“Non è il primo sciopero – sostiene una donna – ma alla fine spero ne avranno abbastanza perché rompono le scatole a tutti”.

“Non so quando finirà, ma le prospettive non sembrano buone” aggiunge un altro automibilista.

Il panico che incita a fare il pieno anche se non è necessario contribuisce a ridurre le scorte. Confrontato con uno sciopero che si prolunga da diversi giorni il governo ha deciso di attingere alle riserve strategiche e dunque assicura che la benzina ci sarà per tutti.

Nello stesso tempo il ministero dell’ambiente ha fatto sapere che invece scarseggia il kerosene per gli aerei. La situazione è tesa soprattuto per gli aeroporti parigini. Lo scalo di Roissy Charles de Gaulle avrebbe riserve solo fino a martedì. Alle compagnie aeree estere viene chiesto, quando possibile, di far volare gli aerei con carburante sufficiente anche per il viaggio di ritorno.