ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grande festa per i primi tre minatori dimessi dall'ospedale

Lettura in corso:

Grande festa per i primi tre minatori dimessi dall'ospedale

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono tornati a casa i primi tre minatori dimessi dall’ospedale dopo il salvataggio. Fra loro c‘è il boliviano Carlos Mamani, l’unico non cileno nel gruppo dei 33. Anche lui, come gli altri, deve indossare ancora gli spessi occhiali protettivi, dopo 69 giorni trascorsi nell’oscurità, nella galleria 700 metri sottoterra:

“Ringrazio tantissimo il presidente cileno Sebastian
Piñera per averci salvato e tutti i cileni che che ci hanno aiutato così bene. Viva il Cile, Viva la Bolivia”.

Grande festa a Copiapò anche per il ritorno a casa di Juan Illanes e di Edison Peña. Parlando con i giornalisti quest’ultimo ha reso omaggio ai soccorritori:

“Tutti hanno pregato per noi e certamente per me. Mi hanno dato un gran coraggio per andare avanti. I soccorritori hanno dato il massimo per liberarci il più in fretta possibile”.

Gli altri 30 uomini saranno dimessi nelle prossime ore. Fra loro è stato registrato un caso di polmonite, per il resto le loro condizioni di salute sono buone. Ma i medici temono che, dopo i primi giorni di euforia, ci possano essere problemi a livello psicologico. Per evitarlo i 33 di Copiapò continueranno ad essere seguiti da un‘équipe di esperti.