ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ungheria, riapre impianto della colata tossica

Lettura in corso:

Ungheria, riapre impianto della colata tossica

Dimensioni di testo Aa Aa

Riprendono le attività nell’industria della tragedia. Domani l’impianto della compagnia Mal, all’origine della colata di fango tossico nell’Ovest dell’Ungheria, riapre i battenti.

L’amministratore delegato, arrestato in quanto massimo responsabile dell’incidente del 4 ottobre, è stato rimesso in libertà.

Intanto divampa la polemica: già in giugno foto aeree evidenziavano una perdita di fango contaminato dall’alluminio all’interno del serbatoio. Quasi 4 mesi prima che il muro di contenimento cedesse, scatenando il peggior disastro ambientale nel Paese: 9 morti, 150 feriti, 1 milione di metri cubi di fango rosso che hanno seppellito 3 villaggi.

A Kolontar, l’agglomerato che ha subito le conseguenze più pesanti, si lavora a pieno ritmo per ripulire strade e case in attesa che il nuovo muro di protezione del serbatoio sia terminato.