ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ungheria: conclusa parte della diga contro il fango tossico

Lettura in corso:

Ungheria: conclusa parte della diga contro il fango tossico

Dimensioni di testo Aa Aa

E’ stato ultimato in Ungheria il secondo argine della diga costruita per contenere una eventuale nuova inondazione di fango rosso tossico.

Eretto in tempi record, lo sbarramento si trova nei pressi della località di Kolontar, la zona più colpita dalla contaminazione, che ha provocato la morte di otto persone

Nell’area per il momento restano solo le squadre di intervento e gli esperti inviati da Bruxelles.

Il presidente della Commissione Europea José Manuel Barroso si è recato a Pecs, nel sud del paese per incontrare le autorità ungheresi per discutere quello che ha definito “un problema serio”.

Nel peggiore disastro ambientale della storia dell’Ungheria sono stati riversati nei terreni e in una parte del corso del Danubio quasi un milione di metri cubi di fango tossico.

Le centinaia di persone evacuate vivono ancora accampate nelle palestre e nelle scuole:
“Io vivo in collina – dice un’abitante – e la mia casa è stata risparmiata, ma tutte le altre sono scomparse”.

Gli abitanti potranno ritornare nelle proprie case dopo le operazioni di bonifica delle zone investite dai veleni.

E quando sarà completata tutta la diga di protezione contro il rischio di nuove esondazioni