ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Grecia: ergastolo al poliziotto che uccise un quindicenne


Grecia

Grecia: ergastolo al poliziotto che uccise un quindicenne

In Grecia, il poliziotto che sparò a un quindicenne, il 6 dicembre 2008, uccidendolo, è stato condannato all’ergastolo.
L’agente di polizia Epaminondas Korkoneas è stato riconosciuto colpevole di omicidio doloso, senza attenuanti, per la morte di Alexandros Grigoropoulos.
Un secondo agente, Vassili Saraliotis, è stato condannato a 10 anni per complicità.

La difesa del poliziotto, che ora ricorrerà in appello, aveva sostenuto che la vittima e altri giovani avevano provocato gli agenti lanciando molotov contro di loro e che l’imputato aveva sparato in aria e non ad altezza d’uomo, ma entrambe le circostanze erano state smentite da testimoni.

La sentenza soddisfa i manifestanti che protestarono per l’omicidio. Uno di loro commenta: “Un altro poliziotto, accusato dell’assassinio di un altro ragazzo è stato rilasciato. Rilasciato benché sia un assassino. Il verdetto di oggi è dovuto alla reazione dell’opinione pubblica. Credo sia stata una decisione giusta.”

La madre della vittima fa sapere che perseguirà legalmente coloro che hanno dichiarato il falso e diffamato la memoria di suo figlio.
Le violente proteste innescate dalla morte del quindicenne contribuirono alla caduta del governo di centrodestra di Costas Karamanlis.

Storie correlate:
Prossimo Articolo

mondo

Francia: conto alla rovescia per lo sciopero generale