ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ungheria: attesa una seconda colata tossica

Lettura in corso:

Ungheria: attesa una seconda colata tossica

Dimensioni di testo Aa Aa

Si lavora a pieno ritmo in Ungheria per costruire un argine che protegga il paese di Kolontar da una nuova colata di fango rosso. Le crepe nel serbatoio dell’impianto per la lavorazione dell’alluminio si stanno allargando e quindi una seconda fuoriscita di materiale tossico è considerata piú che probabile.

Lo ha confermato il sottosegretario all’ambiente Zoltan Illes: “Secondo le analisi, la parete cederà sicuramente, perché il movimento della parete continua. E questo perché dietro ci sono 2 milioni e mezzo di metri cubi che spingono contro la parete e fuori non c‘è niente, solo aria. E c‘è una rottura.”

Migliaia di soccorritori sono impegnati con centinaia di camion e scavatrici, nella speranza di concludere i lavori entro pochissimi giorni, prima che l’arrivo della pioggia faccia cedere il vecchio argine.

Lunedí scorso il fango tossico ha invaso tre villaggi nel giro di un’ora, provocando almeno 7 morti e 120 feriti, contaminando fiumi e terreni circostanti e minacciando l’ecosistema del Danubio.