ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Ungheria; il governo rassicura sulla situazione nel Danubio

Lettura in corso:

Ungheria; il governo rassicura sulla situazione nel Danubio

Dimensioni di testo Aa Aa

Il premier ungherese ha definito l’incidente “una catastrofe ambientale senza precedenti” nel Paese. Il governo sta cercando di correre ai ripari e minimizza i possibili danni per il Danubio. E’ collegata con noi da Budapest Anna Nagy, portavoce del governo ungherese.

Alasdair Sandford, euronews:
Lo Stato sta vincendo o perdendo questa battaglia?

Anna Nagy, portavoce del governo ungherese:
E’ la prima volta che una catastrofe di questo tipo avviene in Ungheria. Quindi dobbiamo scoprire cosa fare, poco a poco e passo dopo passo. E questo è ció che stiamo facendo ora. Comunque pare che siano tutti al sicuro. Abbiamo fermato le perdite dal serbatoio. Abbiamo cominciato a pulire le strade, le case. Ci siamo impegnati per abbassare il livello del pH, il livello di contaminazione dell’acqua, quindi penso che abbiamo fatto molto in questi tre giorni.

euronews:
E riguardo ad altre perdite piú lontano? Perché il Danubio scorre in altri Paesi… Quali misure state prendendo con i vostri vicini?

Nagy:
Bè, questo pomeriggio l’inquinamento ha raggiunto il Danubio, ma a un livello di contaminazione molto piú basso di quello sul luogo dell’incidente. Significa che è cominciato con un pH 13; ora è sceso a 9,5, che ancora non è ottimale, ma non ha danneggiato la vegetazione e la fauna nel fiume. Quindi abbiamo ottime probabilità e penso possiamo sperare davvero che si riesca a evitare che il Danubio venga inquinato a un livello tale da danneggiare l’ambiente in Ungheria o nei Paesi vicini.

euronews:
Ieri abbiamo parlato con un esperto che ci ha detto che la cosa piú importante è investire nella prevenzione per evitare altre catastrofi in futuro. Voi cosa farete?

Nagy:
Stiamo conducendo varie indagini. Penso che la prima e la piú importante sia quella per individuare chi è responsabile di questa tragedia. La catastrofe è cominciata nel serbatoio di una compagnia privata. Quindi stiamo parlando di una compagnia privata proprietaria di una fabbrica, dal cui serbatoio è fuoriuscita questa sostanza tossica rossa. Ma penso ci siano ulteriori conclusioni. Ad esempio, dobbiamo capire se le procedure di controllo sono appropriate in altre aziende pericolose o a rischio, e abbiamo cominciato subito dopo l’incidente a controllare le altre ditte che hanno a che fare con attività pericolose, con materiali pericolosi.