ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kyrghyszstan: tensione in vista del voto

Lettura in corso:

Kyrghyszstan: tensione in vista del voto

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Kyrgyszstan va alle urne domenica per eleggere il nuovo Parlamento e rendere possibile la formazione di un governo che sostituisca gli attuali leader ad interim. I partiti in lizza sono 29, ma solo sei hanno reali chance di far eleggere i propri rappresentanti.

Il Paese appare diviso, dopo la rivolta che il 7 aprile ha deposto il presidente Kurmanbek Bakiyev e dopo gli scontri etnici tra kirghisi e uzbechi che a giugno hanno causato almeno 400 vittime e migliaia di sfollati. Nelle città piú colpite dalle violenze, come Osh e Jalal-Abad, la situazione ora sembra sotto controllo, ma c‘è chi teme che il malcontento possa soffiare sul fuoco dell’estremismo islamico.

L’esercito e le forze dell’ordine dovrebbero vegliare sullo svolgimento delle elezioni, anche se un partito di opposizione ha denunciato che il suo ufficio è stato devastato da ignoti senza che la polizia intervenisse. Il voto sarà monitorato da circa 300 osservatori dell’OSCE.