ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fanghi tossici Ungheria, emergenza ambientale e umana

Lettura in corso:

Fanghi tossici Ungheria, emergenza ambientale e umana

Dimensioni di testo Aa Aa

L’emergenza provocata dallo sversamento dei fanghi tossici, in Ungheria, oltre che ambientale è anche umana. La situazione resta drammatica per gli abitanti coinvolti nel disastro. Quelli dei due comuni più colpiti – Kolontar e Devecser – sono disperati: è impossibile, sostengono, rimuovere il fango contaminato che ha inondato le loro case, il quale – una volta secco – è cancerogeno.

“Alcune aree – commenta Balazs Tomory, portavoce di Greenpeace in Ungheria – potrebbero apparire come il pianeta Marte per molti anni. Senza nessuna flora o fauna. Ora la grande incognita è la polvere. Se questo fanghiglia rossa e tossica si secca, il vento può trasportare metalli pesanti”.

Nei due comuni più colpiti almeno trecento risultano le abitazioni inagibili. L’incidente ha provocato, secondo l’ultimo bilancio, quattro morti, tre dispersi e decine di feriti. Tra le persone soccorse, c‘è chi ha riportato abrasioni, bruciature e ustioni gravi a causa della melma tossica e corrosiva che ha inondato le case e reso l’area spettrale.