ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Europa cerca nuovi strumenti contro il terrorismo

Lettura in corso:

L'Europa cerca nuovi strumenti contro il terrorismo

Dimensioni di testo Aa Aa

Capitali europee di nuovo blindate, dopo l’allarme terrorismo rimbalzato dall’intelligence americana.

Un rischio che rilancia l’urgenza di nuovi strumenti di prevenzione e di uno scambio di informazioni tra paesi. È ciò che auspica il coordinatore della politica antiterrorismo dell’Unione europea, Gilles de Kerchove: “A preoccuparci molto sono i movimenti jihadisti che vengono dall’Europa o dagli Stati Uniti, persone che sono delle nostre parti e hanno il passaporto di uno degli stati membri e che possono quindi più facilmente superare i controlli”.

La cooperazione tra stati sembra funzionare. Quel che manca sono semmai le risposte adeguate a una minaccia in continua trasformazione.

“Ci si chiede ora se l’Europa non dovrebbe dotarsi di un database europeo sui passeggeri. Io e altri responsabili siamo convinti che questa nuova minaccia richieda nuovi mezzi”.

Secondo fonti diplomatiche, sarebbero Francia e Danimarca a spingere di più per la realizzazione di questa banca dati europea.