ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Non mi dimetto". Il sindaco di Mosca sfida il Cremlino

Lettura in corso:

"Non mi dimetto". Il sindaco di Mosca sfida il Cremlino

Dimensioni di testo Aa Aa

Sfida aperta al Cremlino. Dopo le critiche al capo dello stato Medvedev e le querele annunciate contro le tv filogovernative, il potente sindaco di Mosca Yuri Luzhkov, ha fatto sapere che non intende dimettersi. Affronto che, alla luce della nomina presidenziale degli amministratori locali introdotta nel 2004, secondo molti potrebbe comunque costargli la poltrona.

In carica da ben 18 anni, Luzkhov ha sfruttato la prima apparizione pubblica dopo una vacanza in Austria per dare il suo annuncio.

Ad aprire le ostilità con Medvedev, che dalla Cina ha rifiutato ogni commento, un articolo in cui a inizio settembre gli rimproverava una debole leadership. Ma secondo alcuni analisti, il sindaco non sarebbe che una vittima collaterale di una lotta intestina fra lo stesso Medvedev e Putin, in vista delle presidenziali del 2012.