ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tacchi alti? Rischio emicrania

Lettura in corso:

Tacchi alti? Rischio emicrania

Dimensioni di testo Aa Aa

Quante sono le martiri della moda che hanno fatto la stessa esperienza di questa modella all’ultima Fashion week di Londra? Senz’altro il loro numero è in crescita visto che, da una stagione all’altra, i tacchi diventano sempre più alti:

“Queste scarpe non le puoi mettere sempre, anche se ti danno un aspetto fantastico – dice una ragazza – perché dopo un po’ i piedi fanno male”.

Naturalmente alcune non lo vogliono ammettere: “Non mi è mai successo nulla di grave, mi sono solo storta un po’ la caviglia qualche volta e basta”.

Le cosiddette fashion victims non sembrano dunque intenzionate a rinunciare a issarsi su tacchi a spillo, stiletti e zeppe che ormai sono sempre più spesso vicini ai 20 cm piuttosto che ai 10. E questo malgrado i rischi:

“Con un tacco di 12 cm su questo punto c‘è una pressione che cresce del 70% – dice l’osteopata Simon Chafer della London School of Osteopathy -Ciò può essere molto doloroso. Ma le conseguenze non finiscono qui, perché il corpo cerca di compensare coinvolgendo l’intera gamba. Prima di tutto la caviglia: il piede in questa posizione è molto instabile, i legamenti esterni sono sottoposti a un grande stress. Vengono distesi e distorti e c‘è il rischio di slogare la caviglia”.

L’onda di shock attraversa tutta la colonna vertebrale fino al collo e, secondo gli esperti, può provocare anche emicranie. Donna avvisata…