ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, battaglia su cifre sciopero generale

Lettura in corso:

Francia, battaglia su cifre sciopero generale

Dimensioni di testo Aa Aa

È battaglia sulle cifre relative ai manifestanti dello sciopero generale indetto in Francia contro la riforma pensionistica voluta dall’esecutivo. I sindacati gridano alla vittoria, rispetto alla precedente mobilitazione del sette settembre, rivendicando circa tre milioni di persone scese in strada. Il governo, invece, ne ha contate poco meno di un milione. La misura prevede, tra l’altro, l’innalzamento progressivo dell’età pensionabile da sessanta a sessantadue anni.

“L’esecutivo mantiene la sua posizione intransigente” ha commentato il sindacalista Bernard Thibault, alla guida della Cgt, la Confederazione Generale del Lavoro. “È sempre più chiaro che ci troviamo in una contrapposizione frontale. Non per colpa nostra, ma semplicemente per l’intransigenza del Presidente della Repubblica”.

In prima fila nei cortei anche molte donne, che si considerano particolarmente penalizzate dalla riforma. Ma il governo non ha intenzione di fare marcia indietro. “La riforma – ha affermato il ministro del Lavoro Eric Woerth – sarà votata e applicata. Perché se così non fosse, le pensioni dei francesi non sarebbero più pagate”.

Lo sciopero ha causato notevoli disagi nei trasporti. Diversi voli sono stati cancellati e sono state ridotte le frequenze dei collegamenti ferroviari e della metropolitana.

Sulla riforma, già approvata dall’Assemblea Nazionale, dovrà ora pronunciarsi il Senato.