ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Reding: solidi indizi su illegalità espulsioni Rom

Lettura in corso:

Reding: solidi indizi su illegalità espulsioni Rom

Dimensioni di testo Aa Aa

Esistono solidi indizi che le espulsioni di Rom da parte del governo francese siano illegali. Lo ha riferito il commissario alla Giustizia Vivianne Reding alla Commissione del Parlamento europeo per le Libertà civili.

I punti contestati sono due: la discriminazione dei Rom su base etnica e la violazione dei trattati europei sulla libera circolazione delle persone.

Quanto alla procedura di infrazione contro la Francia, su cui il collegio dei commissari dovrebbe pronunciarsi mercoledì prossimo, Reding ha ricordato che spetta al presidente Barroso fissare l’ordine del giorno. “Posso solo dirvi – ha aggiunto – che la questione sarà affrontata molto presto”.

Reding ha anche cercato di stemperare la polemica con Parigi, innescata da un suo paragone tra la politica francese sui Rom e le deportazioni naziste. Ma ha ribadito la necessità di far rispettare i valori europei. Compreso quello sulla parità uomo-donna, che era al centro della riunione di martedì.

“Vedete, se un uomo in politica batte i pugni sul tavolo, si dice di lui che è virile, che sa difendersi. Ma se è una donna a farlo, si dice che è un’isterica. Ecco perché oggi dobbiamo parlare di eguaglianza tra i generi”.