ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Bruxelles dice no a azione collettiva su modello USA


Redazione di Bruxelles

Bruxelles dice no a azione collettiva su modello USA

La “class action”, o azione collettiva, non entrerà, per il momento, nel diritto europeo. Bruxelles ha abbandonato il progetto, che era in esame da anni, di introdurre nell’Unione uno degli strumenti principali con cui, negli Stati Uniti, i consumatori riescono a far valere i loro diritti nei confronti delle grandi multinazionali: da quelle del tabacco alle catene di fast food.

Il commissario alla giustizia Vivianne Reding sostiene però che siano stati proprio gli esperti americani a metterla in guardia contro l’adozione della class action.

Amari i commenti delle associazioni europee per la difesa dei consumatori.

“I consumatori europei hanno atteso a lungo di avere gli strumenti necessari per affermare i loro diritti, quando vengono danneggiati da comportamenti contrari alle norme sulla concorrenza o alle buone pratiche commerciali. Ci sono state diverse consultazioni e tutto porta a pensare che ci sia bisogno di uno strumento di questo tipo. E quel che è peggio è che sia il commissario alla Giustizia a non fornire ai consumatori europei l’accesso a una soluzione giusta”.

Nel 2008, le imprese statunitensi hanno speso 255 miliardi di dollari per il risarcimento di danni riconosciuti da azioni collettive.

Prossimo Articolo

Redazione di Bruxelles

Al consiglio europeo la governance economica e la vicenda Rom