ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Svezia alle urne, pericolo estrema destra

Lettura in corso:

Svezia alle urne, pericolo estrema destra

Dimensioni di testo Aa Aa

La Svezia va alle urne domenica per elezioni politiche che vedranno probabilmente, per la prima volta, l’ingresso in Parlamento del partito xenofobo d’estrema destra di Jimmie Akesson. Una formazione che, rinunciando a giubbotti di cuoio e teste rasate, si è messa il doppiopetto ma non ha cambiato il suo programma contro gli immigrati.
Il primo ministro di centro-destra Fredrik Reinfeldt:
“Innanzitutto, c‘è la possibilità di avere ancora una coalizione di maggioranza domenica sera. Stiamo lavorando per questo. Lasciamo che sia il popolo svedese a decidere. Abbiamo sempre detto che non vogliamo dipendere da un partito populista che è anche xenofobo”.
Anche la leader dell’opposizione socialdemocratica, Mona Sahlin, spera che l’estrema destra non superi la soglia di sbarramento del 4 per cento.
“Sono sempre stata molto chiara su questo: non permetterò mai, mai che l’estrema destra influisca sulla politica svedese. Personalmente, mi dispiacerebbe se entrasse in Parlamento, perché la Svezia è uno dei pochi Paesi europei dove gli xenofobi non sono rappresentati”.
I sondaggi danno per favorito il governo di centro-destra uscente, che ha garantito una politica di sviluppo anche negli anni della crisi finanziaria globale. Ma un successo dell’estrema destra potrebbe impedire la formazione di una maggioranza sicura in Parlamento.