ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gioia dei minatori intrappolati in Cile per progresso soccorsi

Lettura in corso:

Gioia dei minatori intrappolati in Cile per progresso soccorsi

Dimensioni di testo Aa Aa

Sembra più vicino il ritorno a casa dei minatori intrappolati sottoterra in Cile. Una delle perforatrici utilizzate per soccorrerli ha raggiunto l’officina della miniera, un locale a cui i trentatré operai possono accedere. Euforico il messaggio di ringraziamento da loro rivolto a chi sta lavorando giorno e notte per salvarli.

“Siamo veramente felici per il risultato raggiunto” ha detto Mario Sepulveda, circondato dai compagni. “Grazie infinite al governo e a tutti coloro che si stanno dando da fare per noi”.

Ci vorranno ancora delle settimane, tuttavia, per estrarre i minatori, intrappolati dal cinque di agosto a settecento metri di profondità. Registrati passi in avanti anche con la seconda perforatrice usata nei soccorsi. Una terza entrerà in attività il 20 settembre.

“Siamo soliti fare perforazioni per estrarre cose come petrolio, gas, acqua e minerali” afferma Brandon Fisher, uno degli uomini impegnati nelle operazioni. “Perforare per salvare delle vite umane è un compito del tutto diverso, molto più importante di qualsiasi altra cosa fatta finora nel corso della nostra carriera”.

I familiari e il Paese intero stanno seguendo con il fiato sospeso il procedere dei soccorsi. Il diametro del pozzo più vicino ai minatori, di circa trenta centimetri, dovrà essere allargato a una settantina per poter iniziare il trasporto in superficie degli uomini. Se tutto va bene, il salvataggio dovrebbe concludersi nei primi giorni di novembre.