ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rom. Sarkozy: "ho il sostegno dei capi di Stato e di governo"

Lettura in corso:

Rom. Sarkozy: "ho il sostegno dei capi di Stato e di governo"

Dimensioni di testo Aa Aa

Un brutto alterco al consiglio europeo tra Sarkozy e Barroso, non confermato da nessuno dei due. La vicenda rom ha animato il vertice di Bruxelles, dedicato alle relazioni strategiche dell’Unione Europea e alla governance economica.

Diverse delegazioni hanno riferito di uno scambio verbale acceso tra il presidente francese e quello della commissione, Sarkozy ha detto di aver semplicemente difeso le posizioni della Francia e che andrà avanti con gli smantellamenti dei campi illegali.

“Tutti i capi di Stato e di governo sono rimasti scioccati dalle frasi offensive della vice-presidente della Commissione”, ha detto Sarkozy.

“Conosco bene Barroso e lo apprezzo”, ha aggiunto il capo dell’Eliseo, “d’altronde l’ho sostenuto come presidente della Commissione e ho apprezzato che abbia preso le distanze dalle parole pronunciate dalla sua vice-presidente. Io sono il capo dello Stato francese, non posso permettere che si insulti il mio Paese”.

Barroso ha riconosciuto lo scivolone del commissario Reding e ha poi esortato a non lasciare che la polemica distragga dai veri problemi.

“La Commissione ricopre il suo ruolo di guardiano dei trattati, è inaccettabile qualsiasi tipo di discriminazione in Europa verso le minoranze etniche”, ha affermato il presidente della Commissione Ue. “E’ vero che nella passione dei dibattiti abbiamo udito dei commenti esagerati, la vice-presidente della Commissione stessa lo ha ammesso ieri, altri dovrebbero pensare a fare lo stesso, la Commissione stessa potrebbe lamentarsi di una certa retorica”.

Tra le conclusioni del Consiglio europeo l’accordo commerciale con la Corea del Sud e la riduzione dei dazi per il Pakistan colpito dalle inondazioni.

Sulla governance economica la task force del presidente Van Rompuy ha confermato che presenterà i suoi risultati a ottobre.