ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Medio Oriente, ancora violenze mentre si cerca una pace difficile

Lettura in corso:

Medio Oriente, ancora violenze mentre si cerca una pace difficile

Dimensioni di testo Aa Aa

Intensifica l’opera di mediazione americana, Hillary Clinton a Ramallah.

Prima di partire per la Giordania, ha cercato di ricucire con una serie di colloqui individuali le posizioni tra i due leader, arenate, sembra, sulla spinosa moratoria delle nuove costruzioni israeliane in Cisgiordania e Gerusalemme est.

Divergenze persistenti dunque tra Netanyahu e Abbas, filtrate dall’incontro di ieri a Gerusalemme nonostante il massimo riserbo e le dichiarazioni ottimiste.

E mentre si cerca una difficile pace per il Medio Oriente, sul campo è di nuovo violenza.

Ieri, un morto e due feriti palestinesi, poi la notte a Gaza ritmata dai raid dell’aviazione israeliana contro i tunnel del contrabbando palestinese a Rafah.

È la risposta al più duro attacco di Hamas dal marzo del 2009, con ripetuti lanci di razzi e colpi di mortaio. Abbas non ci rappresenta, dice il movimento islamico che ha promesso guerra ai negoziati.

Minacciati anche dal rimbalzo delle accuse: colpiscono obiettivi civili e sanitari, dicono i palestinesi. Lanciano bombe al fosforo, ribatte l’esercito israeliano.