ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

MO: dialogo positivo ma pochi progressi a Sharm el-Sheikh

Lettura in corso:

MO: dialogo positivo ma pochi progressi a Sharm el-Sheikh

Dimensioni di testo Aa Aa

Ottimismo. Ma nessun progresso concreto, nessuna dichiarazione pubblica dei diretti interessati. Benjamin Netanyahu e Mahmoud Abbas, con la mediazione del Segretario di Stato americano Hillary Clinton, si ritrovano oggi a Gerusalemme per proseguire le discussioni dopo l’incontro a Sharm el-Sheikh. Il primo colloquio diretto tra il Premier israeliano e il Presidente palestinese dopo il vertice di Washington del 2 settembre.

“Abbiamo ripetuto più volte che la nostra visione prevede una soluzione a due Stati” ha detto l’inviato degli Usa per la pace in Medio Oriente George Mitchell. “Lo Stato ebraico che viva fianco a fianco, in pace e sicurezza con uno Stato palestinese indipendente e sovrano”.

Il nostro corrispondente in Medio Oriente Mohamed Elamy: “I colloqui di Sharm el-Sheikh si sono chiusi con la promessa di continuare i negoziati in modo che ciascuna parte esprima le proprie posizioni ma il tempo non facilita le cose, la fine del mese incombe e bisogna trovare una soluzione al problema degli insediamenti”.

Il 26 di settembre scade il periodo di congelamento dell’espansione edilizia di israele nei territori palestinesi. Per i palestinesi il blocco degli insediamenti resta una condizione per la pace.