ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, critiche sul governo dopo accuse Le Monde

Lettura in corso:

Francia, critiche sul governo dopo accuse Le Monde

Dimensioni di testo Aa Aa

Lo scandalo Woerth-Bettencourt non dà pace al governo francese, investito da una raffica di critiche all’indomani delle accuse lanciate da Le Monde.

Per il quotidiano, l’Eliseo avrebbe ordinato ai servizi segreti di identificare la fonte del giornalista che rivelò il legame tra il ministro del Lavoro e l’ereditiera dell’impero L’Oreal.

Eric Fottorino, direttore Le Monde: “La questione è come un servizio dello stato sia stato sviato dai suoi compiti, che sono la lotta contro il terrorismo e la difesa dei cittadini. Sviato a vantaggio di un partito politico, della maggioranza di governo”.

I servizi hanno confermato che un’inchiesta c‘è stata, ma l’Ufficio della presidenza della repubblica smentisce di averla ordinata.

Xavier Bertrand, segretario UMP: “Nessuno può accusare senza prove – tuona il segretario del partito del presidente – tutto ciò che è stato scritto da Le Monde è senza fondamento. L’Eliseo non è coinvolto”.

L’esecutivo fa quadrato e accusa Le Monde di condurre una crociata contro il presidente Sarkozy per motivi politici. Il caso però non è chiuso: tra i banchi dell’Assemblea nazionale è stata sfiorata la bagarre.

I socialisti chiedono che il governo riferisca in parlamento.

Jean-Marc Ayrault, capogruppo socialista alla Camera: “E’ una questione di stato. Il governo deve spiegarsi e renderne conto ai cittadini”.

In visita in Val de Marne, Nicolas Sarkozy non è riuscito a mascherare l’irritazione per una vicenda che ha sollevato l’ombra del conflitto di interessi sull’uomo simbolo della controversa riforma previdenziale.