ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Camionisti contro governo: nuovo braccio di ferro in Grecia

Lettura in corso:

Camionisti contro governo: nuovo braccio di ferro in Grecia

Dimensioni di testo Aa Aa

I camionisti greci accolgono i controlli sul piano di risanamento del deficit del paese, incrociando le braccia. Nel giorno della cruciale visita degli ispettori internazionali, gli autotrasportatori tornano a scioperare contro la liberalizzazione del settore.

“Il governo ci sta togliendo tutto – dice uno di loro -. Sta trasformando in carta straccia le nostre licenze. Ci costringeranno a cercare lavoro in qualche azienda. Stanno espellendo dal settore i veri professionisti”.

Come già in occasione di una simile mobilitazione alla fine di luglio, il timore di uno stop ai rifornimenti si traduce in lunghe code alle pompe di benzina.

Al centro della protesta a oltranza la liberalizzazione delle licenze voluta dal governo Papandreu: riforma considerata chiave, per mantenere le promesse di risanamento e ottenere l’erogazione del maxi-prestito da centodieci miliardi di euro.

E proprio per verificare i conti, in vista dello sblocco della terza tranche, gli ispettori di Fondo Monetario Internazionale, Banca Centrale Europea e Unione Europea sono da stamane al lavoro ad Atene.