ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa, Ue e Nato condannano il rogo del Corano

Lettura in corso:

Usa, Ue e Nato condannano il rogo del Corano

Dimensioni di testo Aa Aa

Condanna unanime in Occidente contro il progetto di bruciare il Corano, lanciato da un pastore evangelico americano. Stati Uniti, Unione Europea e Nato hanno espresso la loro preoccupazione.

Il Dove World Outreach Center vuol dare alle fiamme il testo sacro per i musulmani a Gainsville in florida, sabato nel nono anniversario dell’11 settembre.

Hillary Clinton ha parlato di atto vergognoso: “E’ deplorevole che un pastore di Gainsville, in Florida, con una chiesa di non più di cinquanta persone possa organizzare un piano oltraggioso, penoso e ignobile e attiri l’attenzione del mondo, ma questo è il mondo in cui viviamo”, ha affermato il segretario di Stato americano. “In ogni caso questa vicenda non rappresenta l’America né gli americani”.

Il Vaticano definisce il piano del pastore Terry Jones un gesto di “grave oltraggio”; “irrispettoso per un testo sacro”, secondo i leader religiosi musulmani, cristiani ed ebrei degli Stati Uniti.

Il capo delle operazioni in Afghanistan, il generale David Petraeus, teme per i soldati dell’Isaf: “Può mettere in pericolo i nostri militari. Abbiamo già assistito a una manifestazione qui a Kabul organizzata solo dopo che era stata diffusa la voce che si sarebbe svolto il rogo. Credo che le immagini di una tale azione potrebbero essere usata dagli estremisti qui come in altre zone del mondo”.

L’iniziativa è stata condannata anche dal segretario generale della Nato Anders Fogh Rasmussen che ha sotolineato i rischi per le truppe dell’Alleanza Atlantica. Critiche che non hanno fatto indietreggiare il pastore Jones.