ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Hariri: toppa fretta nelle accuse alla Siria su assassinio del padre

Lettura in corso:

Hariri: toppa fretta nelle accuse alla Siria su assassinio del padre

Dimensioni di testo Aa Aa

La Siria è stata accusata con troppa fretta per l’assassinio di Rafik Hariri. Sd ammetterlo è Saad Hariri, figlio dell’ex premier ucciso nel 2005, e attuale capo del governo libanese in un’intervista pubblicata da un quotidiano arabo. “Alcuni hanno depistato le indagini arrecando danno alla Siria e al Libano”, ha detto Hariri, che ha parlato di un’accusa politica ormai superata.

Dopo essere diventato primo ministro, Saad Hariri ha incontrato in diverse occasioni i vertici siriani. In seguito all’assassinio di Rafik Hariri, avvenuto sul lungomare di Beirut il 14 febbraio del 2005, la Siria è stata subito chiamata in causa. Anche se ora, secondo alcune indiscrezioni, il tribunale Onu incaricato di fare luce sull’episodio sarebbe pronto a muovere accuse contro Hezbollah. Ma il movimento sciita presente con alcuni suoi membri nel governo libanese nega le accuse, e parla di complotto israeliano.