ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Storica opportunità". Clinton dà il via ai negoziati di pace

Lettura in corso:

"Storica opportunità". Clinton dà il via ai negoziati di pace

Dimensioni di testo Aa Aa

Ufficialmente al via i negoziati di pace diretti fra israliani e palestinesi. Uno storico ritorno al tavolo delle trattative, che il segretario di Stato americano Hillary Clinton ha formalizzato a Washington, lodando il coraggio del presidente dell’autorità nazionale palestinese Mahmud Abbas e del premier israeliano Beniamin Netanyahu.

“Credo fermamente – ha detto – che i due uomini che siedo al mio fianco siano le persone che possano finalmente trasformare in realtà il sogno che da lungo inseguiamo. Faremo di tutto per aiutarvi”.

“Un passo fondamentale per la pace in Medio Oriente” che Netanyahu ha celebrato come “storica opportunità”, senza però negare i pesanti sacrifici che comporterà ad entrambe le parti.

“Vedo in lei – ha detto rivolgendosi a Mahmud Abbas -, un partner per la pace. So che non sarà facile, perché una pace vera e duratura richiede concessioni dolorose e reciproche”.

“Noi – ha poi aggiunto -, siamo pronti a riconoscere uno stato palestinese sovrano, ma loro dovranno garantire la sicurezza e riconoscere Israele come stato-nazione del popolo ebraico”.

“Questi negoziati saranno costellati di ostacoli e difficoltà – ha riconosciuto dal canto suo Mahmud Abbas -. Ma di qui a un anno dovranno condurre a un accordo. Un accordo che porti a una pace giusta e che fondi il rapporto fra il popolo israeliano e quello palestinese sul diritto internazionale”.

Stop ai nuovi insediamenti e all’embargo alla Striscia di Gaza, le richieste chiave poi avanzate da Abbas. Aspettative certo non facili da soddisfare, ma dalle quali, a quasi due anni dall’offensiva a Gaza, i colloqui diretti possono finalmente ripartire.