ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Caucaso nord: sanguinosi scontri forze russe contro ribelli islamici

Lettura in corso:

Caucaso nord: sanguinosi scontri forze russe contro ribelli islamici

Dimensioni di testo Aa Aa

Sanguinoso scontro a fuoco in Cecenia: dodici presunti ribelli, due poliziotti e cinque civili sono stati uccisi nel corso di uno scontro a Tsentoroi, villaggio nativo del presidente Ramzan Kadyrov che ha personalmente diretto l’operazione. Questi ha raccontato alla stampa di aver lanciato l’offensiva contro una trentina di guerriglieri, che nelle prime ore del mattino sono penetrati nel villaggio assaltando alcune abitazioni.

“Avevamo tutte le informazioni, li aspettavamo alla periferia di Tsenteroi. Li abbiamo lasciati entrare per non farli scappare. Sapevamo dove potevamo ucciderli. Gli uomini della mia forza privata di sicurezza (R-group), hanno fatto un lavoro eccellente”, ha dichiarato Ramzan Kadyrov.

Le forze russe stanno portando avanti diversi assalti contro i separatisti islamici dell’area. Nelle repubbliche del Caucaso del nord monta ogni giorno di più la ribellione all’autorità del Cremlino, che sta mal digerendo la frequente applicazione della “sharia” in queste zone.

La situazione è incandescente: tra venerdì e sabato altri scontri in diverse regioni hanno portato alla morte di diciannove guerriglieri, un poliziotto e due agenti segreti russi.