ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sequestro bus: arrestato il fratello di Mendoza

Lettura in corso:

Sequestro bus: arrestato il fratello di Mendoza

Dimensioni di testo Aa Aa

Nove morti e un arresto. È il bilancio del sequestro di un autobus con 22 turisti di Hong Kong in visita nelle Filippine. Il sequestratore, Rolando Mendoza, un ex ispettore di polizia, è tra le vittime.

Il fratello di Mendoza è stato arrestato immediatamente dopo il blitz delle teste di cuoio, per avere intralciato le operazioni.

Dura la reazione di Hong Kong:
“Ci siamo mobilitati immediatamente, prendendo misure d’emergenza. (Abbiamo subito mandato nostri uomini e mezzi a Manila, attraverso ) Si tratta di un episodio tragico, soprattutto per come si è concluso, è deludente. L’esito dell’operazione è veramente deludente”.

Il sequestro è iniziato intorno alle nove di ieri mattina, quando l’ex ispettore modello, si era impadronito dell’autobus, in un a delle principali piazze di Manila.
L’uomo, 55 anni, con quest’azione, chiedeva il reintegro in polizia, dopo un licenziamento mai digerito.

L’iniziale ottimismo delle autorità filippine è andato con il passare delle ore scemando.
L’intervento delle teste di cuoio è parsa la sola soluzione possibile.

Mendoza avrebbe usato gli ostaggi come scudo umano.