ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Australia: verso un governo di coalizione

Lettura in corso:

Australia: verso un governo di coalizione

Dimensioni di testo Aa Aa

Sembra finita pari, la partita australiana tra i laburisti di Julia Gillard e i conservatori di Tony Abbot.
 
Per la prima volta dalla seconda guerra mondiale, nessuno avrà i numeri per governare da solo.  
 
Un parlamento appeso, quindi, che inaugura la stagione dell’incertezza politica e delle alleanze possibili. E che a sorpresa regala il ruolo da protagonista ai partiti minori.
 
I verdi conquistano il loro primo seggio alla Camera:
 
“Siamo arrivati all’età della maturità parlamentare”, dice Bob Brown dei verdi,  “Come terzo partito del paese, con un sostegno popolare mai registrato prima, faremo questo compromesso e useremo il voto per gli Australiani in maniera responsabile “.
 
È verso gli indipendenti che si gira piuttosto il conservatore Abbot, che in campagna elettorale ha promesso al paese tagli alla spesa pubblica e pugno di ferro contro l’immigrazione.
 
È una sconfitta per il governo laburista, dice Abbot, in termini di maggioranza e credibilità.
 
Per Julia Gillard, prima donna a diventare premier nel paese, è ancora presto per fare un bilancio: restano da contare due milioni di voti fuori sede e per posta.
 
Nel frattempo continua a operare in veste interinale.