ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Parte la prima centrale nucleare iraniana

Lettura in corso:

Parte la prima centrale nucleare iraniana

Dimensioni di testo Aa Aa

Al via la prima centrale nucleare iraniana di Bushehr, nel Golfo Persico, in barba alle sanzioni internazionali.

Due settimane per caricare le 163 barre di combustibile nel cuore del reattore, poi il pieno regime entro sei mesi.

Presenti anche gli ispettori dell’Agenzia per l’energia nucleare dell’Onu: assicurano la supervisione dell’impianto che tante preoccupazioni desta in Occidente.

Il sospetto è che nel programma nucleare di Teheran ci siano finalità militari.

È un progetto pilota e produrrà energia solo a scopi civili, dice Mosca che ha costruito la centrale e ne assicurerà la gestione per i primi anni. Poi, il controllo sarà tutto in mano iraniana.

“A nostro avviso è importante lavorare nell’ambito della legalità e arrivare a risultati pacifici”, ha detto il capo dell’agenzia federale russa per l’energia nucleare, Serghiei Kirienkosu, “La Russia ha mantenuto le sue promesse rispetto alle relazioni bilaterali e all’assistenza nel progetto Bushehr”.

Ci sono voluti quarant’anni per terminare l’impianto, con i lavori interrotti dalla rivoluzione islamica.

Nei prossimi venti, Teheran costruirà centrali per produrre energia per venti mila megawatt.