ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pakistan, ancora troppo pochi gli aiuti umanitari

Lettura in corso:

Pakistan, ancora troppo pochi gli aiuti umanitari

Dimensioni di testo Aa Aa

La comunità internazionale ha versato 500 milioni di dollari per i venti milioni di alluvionati del Pakistan.

Più di quanto aveva chiesto l’Onu ma troppo poco ancora per far fronte ai sei milioni di persone privi di tutto, ai quattro milioni e passa di senza tetto.

Un’emergenza idrica, alimentare, sanitaria, che cresce lentamente. Dopo i quasi 1600 morti, si temono nuove vittime per malattie e malnutrizione.

Oltre 30 mila le persone già colpite da dissenteria acuta, un caso confermato di colera. Particolarmente esposti i bambini.

“Sono venuta qui all’inizio delle doglie e qui ho partorito”, dice una pakistana, “Nessun dottore, nessuna levatrice era presente. Grazie a Dio la bambina è nata. E per grazia di Allah sta bene”.

Gli ospedali sono sovraccarichi, manca il cibo, manca l’acqua potabile. Scarseggiano medicine, vaccini e personale sanitario.

“Siamo riusciti a salvarci dall’acqua ma non abbiamo da bere e da mangiare”, commenta un’altra donna, “I nostri bambini si stanno ammalando. Non abbiamo ricevuto nulla. I bambini ora vomitano e soffrono di diarrea”.

Un quinto del paese è distrutto, i raccolti sott’acqua. E Islamabad parla di danni materiali per 43 miliardi di dollari.