ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia, a rischio la più grande banca di semi europea

Lettura in corso:

Russia, a rischio la più grande banca di semi europea

Dimensioni di testo Aa Aa

Rischia di essere distrutta in Russia la stazione di ricerca Pavlovsk. Un tribunale ha autorizzato il passaggio di proprietà dei terreni nella periferia di San Pietroburgo che ospitano la più grande banca di semi europea, e una delle più importanti nel mondo, terreni sui quali potrebbe essere aperto presto un cantiere edile. Un trasloco, e per lo più rapido, non può salvare le piante tutelate.

“È un posto unico” spiega infatti il direttore Fyodor Mikhovich. “Nei dintorni non ce ne sono altri simili dove poterle trasferire. A meno che non non si voglia proprio ripiantarle, stupidamente, e uccidere così la collezione”.

La stazione, fondata un’ottantina di anni fa, possiede centinaia di migliaia di semi e nei campi che la circondano crescono oltre quattromila varietà di frutti, provenienti da una quarantina di Paesi. La sua missione è tutelare la diversità genetica e favorire la ricerca su nuovi incroci.

“Nel caso in cui i genotipi delle piante fossero distrutti – spiega Leonid Burmistrov, uno scienziato della stazione – la sicurezza alimentare della Russia sarebbe indebolita. Ciò sarebbe dannoso non solo per il Paese, ma anche per il mondo intero, perché tutte queste piante sono registrate nel database internazionale”.

Circa il novanta per cento della collezione risulta unica nel mondo. Di fronte alle pressioni di numerosi studiosi, il presidente russo Medvedev ha fatto sapere che esaminerà la questione.