ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pakistan in ginocchio e senza aiuti. Manca acqua potabile, pericolo epidemie

Lettura in corso:

Pakistan in ginocchio e senza aiuti. Manca acqua potabile, pericolo epidemie

Dimensioni di testo Aa Aa

Stentano ad arrivare gli aiuti ai pakistani colpiti dalle alluvioni. Nonostante i ripetuti appelli del segretario generale dell’Onu ad inviare risorse, resta limitata la mobilitazione. La Banca Mondiale rimodulerà piani già esistenti per rendere disponibili 900 milioni di dollari, ma secondo alcune stime, la ricostruzione richiederà dai 10 ai 15 miliardi di dollari.

Eccetto le poche squadre di militari impegnati a distribuire generi di prima necessità, a garantire una assistenza diretta sono solo i gruppi musulmani, alcuni dei quali legati al fondamentalismo.

Ma la vera emergenza è quella sanitaria. Ai 1600 morti per le inondazioni potrebbero sommarsi quelli causati dalle epidemie, come denuncia un medico di Medecins Sans Frontieres:

“La gente nuota nell’acqua alluvionale, che è carica di germi provenienti dal suolo e da posti dove gli standard sanitari erano già precari. Ci si bagna nelle acque sporche e ciò comporta un rischio maggiore per la salute”.

Intanto, a Islamabad, emissari della Nato stanno discutendo col governo pakistano della possibilità di organizzare un ponte aereo per soccorrere i senzatetto, che in totale sono oltre due milioni.