ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scintille fra Onu e Parigi sui diritti delle minoranze

Lettura in corso:

Scintille fra Onu e Parigi sui diritti delle minoranze

Dimensioni di testo Aa Aa

I diritti delle minoranze e dei nomadi infiammano i rapporti tra Francia e Nazioni Unite.
Parigi difende gli sgomberi, ribadendo il proprio dovere a tutelare la sicurezza in quanto diritto fondamentale dell’uomo.

Il comitato ONU per l’eliminazione delle discriminazioni le rimprovera una “mancata volontà politica” nell’arginare la ripresa di xenofobia e razzismo.

Timore degli esperti è che la linea dura dell’Eliseo non possa che peggiorare le cose. Rimasto nell’anonimato, uno di loro ha bollato come “incitazione all’odio” la recente proposta del presidente Sarkozy, di privare della cittadinanza francese gli stranieri che attentino alla vita di poliziotti o rappresentanti delle autorità.

Clima poi reso ancora più infuocato dal ministro dell’interno Brice Hortefeux: smantellare entro tre mesi la metà dei campi nomadi abusivi, il proposito annunciato due giorni fa, in attesa che le municipalità francesi compiano un altro loro dovere: quello, a cui sono tenute per legge, di destinare un terreno alle popolazioni nomadi.