ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pakistan. La lotta per la sopravvivenza nei villaggi inondati

Lettura in corso:

Pakistan. La lotta per la sopravvivenza nei villaggi inondati

Dimensioni di testo Aa Aa

Campi sommersi dalle acque, strade e ponti distrutti, villaggi isolati. Interi centri in Pakistan sono stati travolti dalle acque: fuori uso strutture mediche, scuole, fattorie. Soldati e soccorritori arrivano a piedi o in sella ai muli per portare aiuto alla popolazione.

Un residente di Akbar Pura, nel distretto di Nowshera, denuncia la lentezza delle autorità:

“Nessuno ci ha prevenuto. Solo quando le inondazioni hanno raggiunto quest’area ci siamo resi conto che si stavano dirigendo verso di noi. Siamo rimasti bloccati. Tutti hanno cercato di raggiungere l’autostrada, l’unica via d’uscita”.

“Da quando le alluvioni hanno portato via mia sorella vado al fiume e piango per lei”, dice una donna. “L’abbiamo cercata per sei, sette giorni, ma non siamo riusciti a trovarla. Sarebbe una consolazione trovare il suo corpo, ma non ci siamo riusciti”.

Tra i timori principali l’eventuale comparsa di malattie come il colera e il tifo, che potrebbero essere propagate dall’acqua.

Il programma alimentare mondiale dell’Onu ha bisogno di 150 milioni di dollari, circa 116 milioni di euro, per aiutare sei milioni di persone per i prossimi tre mesi.