ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Guantanamo: processo a Omar Khadr, polemiche per presunte torture

Lettura in corso:

Guantanamo: processo a Omar Khadr, polemiche per presunte torture

Dimensioni di testo Aa Aa

Si aprono accompagnati da polemiche su presunte torture i primi processi dell’era Obama a Guantanamo. Omar Khadr, cittadino canadese, ora ventitreenne, è stato catturato a 15 anni in Afghanistan.

Detenuto a Bagram, ha poi trascorso un terzo della sua vita nella base americana a Cuba. E’ accusato di di aver ucciso un soldato statunitense lanciando una granata nel 2002. Ieri il giudice Patrick Parrish ha respinto la richiesta della difesa di non utilizzare le sue confessioni nel processo perché estorte sotto tortura.

“Da quello che ha detto il giudice deduco che per lui va bene processare un ragazzo prelevato a 15 anni sul campo di battaglia in un ambiente ostile. Per lui va bene minacciarlo di stupro e abusi sessuali”, ha detto l’avvocato di Omar Khadr, Dennis Edney.

Sotto i riflettori anche la credibilità del presidente Obama in materia di diritti umani. La riforma dei tribunali militari da lui proposta e votata dal Congresso prevede che nessuna dichiarazione ottenuta sotto tortura o trattamento crudele e disumano possa essere utilizzata.

Obama inoltre non ha ancora mantenuto la promessa elettorale di chiudere Guantanamo.

L’altro processo riguarda il sudanese Ibrahim Al Qosi, ex cuoco e autista di Osama Bin Laden. Dichiaratosi colpevole di complotto e sostegno materiale al terrorismo, attende di conoscere solo la durata della pena.