ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Alcuni Paesi sconsigliano viaggi in Russia

Lettura in corso:

Alcuni Paesi sconsigliano viaggi in Russia

Dimensioni di testo Aa Aa

Gli appelli a non recarsi in Russia si moltiplicano. I ministeri degli Esteri di alcuni Paesi, tra cui l’Italia, sconsigliano di viaggiare nelle zone colpite dagli incendi. A partire da Mosca, avvolta da una cappa di fumo acre e nocivo sempre più fitta, con una visibilità sotto i 100 metri e una concentrazione di monossido di carbonio già di 5 volte oltre la soglia di sicurezza. “Usiamo fazzoletti bagnati e ci copriamo il naso – racconta un cittadino. Non c‘è altro modo. Forse si potrebbe comprare un respiratore. Speriamo che Dio ci aiuti e che arrivi un po’ di pioggia”.

Le previsioni meteo, per ora, non lasciano, però, molta speranza. Ai cittadini si chiede di uscire di casa solo se strettamente necessario, e con mascherine. Ma alcuni lamentano la mancanza di assistenza da parte delle autorità locali: “Qui a Mosca, le autorità ci hanno abbandonato – dice una donna. Forse dovrebbero distribuire più acqua. Siamo sconvolti, nessuno si preoccupa per noi. Forse dovrebbero distribuire mascherine per proteggersi, perché non si riesce a respirare. Almeno potrebbero distribuire acqua… fare qualcosa”.

Nelle aree colpite vigili del fuoco, militari, ma anche tanti volontari cercano di combattere i circa 500 focolai ancora accesi, scongiurando altre vittime, oltre ai più di 50 morti già segnalati. E dopo oltre due settimane di fuoco e afa, un Paese quasi in ginocchio tenta ora di arginare anche le ripercussioni sul turismo.