ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia in fiamme, più di 500 focolai attivi

Lettura in corso:

Russia in fiamme, più di 500 focolai attivi

Dimensioni di testo Aa Aa

Il primo ministro Putin continua a visitare i luoghi piu’ critici degli incendi che investono la Russia centrale, per incoraggiare i 170 mila tra pompieri e soldati impegnati nell’opera di spegnimento.
Il presidente Medvedev ha interrotto la vacanze sul Mar Nero per una riunione d’emergenza, a Mosca, nel corso della quale ha rimosso alcuni vertici dell’aviazione della marina che non sono riusciti a impedire la distruzione tra le fiamme di costosissime attrezzature.

Desta preoccupazione la sorte della base militare di ricerca nucleare di Sarov, culla della bomba atomica in epoca sovietica. Le autorità assicurano che i materiali radioattivi sono stati trasportati altrove.
L’opera di spegnimento è un’impresa gigantesca, con oltre 500 focolai ancora attivi. Il bilancio dei morti sfiora le 50 vittime.
Si combatte il fuoco con tutti i mezzi, compreso un robot sperimentale concepito per operare in zone ad alta radioattività.
C‘è posto anche per i volontari che vogliano dare man forte, soprattutto per raggiungere le zone più sperdute.
Con l’ondata di calore, senza precedenti in Russia, iniziata a metà giugno, le campagne sono letteralmente in ginocchio, con migliaia di ettari che non daranno raccolto.