ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Referendum in Kenya: verso una nuova Carta

Lettura in corso:

Referendum in Kenya: verso una nuova Carta

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Kenya dice sì alla nuova Costituzione. Secondo i primi risultati, il referendum ha registrato i due terzi dei voti a favore. Lo spoglio delle schede è a poco più di metà e già il fronte del sì avrebbe la maggioranza assoluta.

Alta l’affluenza, intorno al 70 per cento sui 12 milioni di votanti.

E stavolta non ci sono stati incidenti, come nelle elezioni del 2007, quando il paese registrò le peggiori violenze dalla sua indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1963.

La nuova Carta concede maggiore libertà civile, limita i poteri del presidente e consolida quelli del primo ministro.

Una svolta che è stata il cardine dell’accordo tra il capo dello stato Mwai Kibaki e il premier Raila Odinga, nel 2008.

Insieme hanno fatto una campagna elettorale serrata per il sì. Contrarie le comunità religiose, per l’introduzione dell’aborto terapeutico e il mantenimento dei tribunali islamici in questo paese che è la prima economia dell’Africa orientale.