ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Pakistan, manifestazioni contro il premier britannico

Lettura in corso:

Pakistan, manifestazioni contro il premier britannico

Dimensioni di testo Aa Aa

Manifestazioni in Pakistan contro David Cameron, al centro di tensioni diplomatiche. Le proteste di diversi abitanti sono state provocate dalle recenti dichiarazioni del premier britannico su un presunto doppio gioco di Islamabad nella lotta contro il terrorismo. Parole a causa delle quali è stata annullata la visita a Londra del capo dei servizi d’intelligence pakistani (Isi), prevista per domani.

“L’Agenzia di intelligence – spiega l’ex responsabile dell’Isi Hamid Gul – segue rigorosamente la linea politica del governo pakistano, non va oltre. E la nostra politica è molto chiara: vogliamo la pace in Afghanistan. Senza di essa noi crediamo che non possa esserci la pace neanche in Pakistan”.

Confermata la visita a Londra del presidente pakistano Asif Ali Zardari, atteso per martedì. Incontro in cui affronterà con Cameron le dichiarazioni di quest’ultimo, criticate anche dall’opposizione.

“Ovviamente questa settimana è riuscito a fare notizia negli Affari Esteri, ma in realtà abbiamo bisogno di relazioni e collaborazioni forti” ha commentato David Miliband, candidato alla guida del partito laburista ed ex ministro degli Esteri. “Cameron ha affermato di voler dire le cose come sono, ma non ha raccontato che una parte della storia riguardo il Pakistan ed è per questo che sono così arrabbiati”.

Mercoledì in India Cameron aveva affermato che il Regno Unito non può tollerare l’idea che il Pakistan possa fare il doppio gioco e promuovere l’esportazione del terrorismo. La presunta ambiguità di Islamabad è stata messa in luce dai documenti riservati sulla guerra in Afghanistan pubblicati dal sito Wikileaks, che proverebbero una collusione tra l’intelligence pakistana e i taleban. E i cui contenuti sono stati contestati e smentiti da Islamabad.