ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sarkozy promette espulsione Rom da Francia

Lettura in corso:

Sarkozy promette espulsione Rom da Francia

Dimensioni di testo Aa Aa

Misure radicali contro i Rom di Francia. Il Presidente Nicolas Sarkozy passa ai fatti e promette lo smantellamento di tutti i campi nomadi illegali entro i prossimi 3 mesi. E l’opposizione insorge.

Accusando il Capo dello Stato di demagogia col solo scopo di nascondere il fallimento della politica sulla sicurezza nazionale sbandierata dalla destra di governo. Le dichiarazioni del ministro dell’Interno Brice Hortefeux a conclusione di una riunione ministeriale all’Eliseo.

“Espelleremo immediatamente in Bulgaria o in Romania i Rom che hanno arrecato disturbo alla quiete pubblica o commesso reati”.

I campi nomadi da smantellare sarebbero 300. Ma sulla totalità dei nomadi recensiti in Francia i gitani di nazionalità romena o bulgara sono una minoranza.

“Ci sono tra il mezzo milione e il milione di nomadi che sono cittadini francesi e i cui diritti sono negati” dice Herni Braun, avvocato di un’associazione Rom. “Spero che Nicolas Sarkozy sarà in grado di tenerlo in considerazione per combattere il razzismo e per farla finita con questa forma di discriminazione”.

Tra le misure annunciate dal governo francese, che arrivano a seguito di una serie di disordini causati da Rom, anche una collaborazione tra la polizia dell’Esagono e quella rumena contro l’illegalità che si presenta in seno alle comunità nomadi. Nel 2009 la Francia ha espluso 10.000 Rom.