ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Duisburg: scambio di accuse sulla strage alla Love Parade

Lettura in corso:

Duisburg: scambio di accuse sulla strage alla Love Parade

Dimensioni di testo Aa Aa

21 morti, più di 500 feriti ma finora nessun colpevole. Autorità di Duisburg e organizzatori della Love Parade, il festival di musica techno, si rimpallano le responsabilità della strage di sabato scorso.
 
Parenti e amici delle vittime intanto hanno manifestato davanti al municipio con cartelli e striscioni e, chiedendosi quanto valgano le vite delle persone rimaste uccise nella calca, hanno auspicato le immediate dimissioni di Adolf Sauerland, il sindaco della città tedesca, responsabile, a loro dire, di non aver tenuto conto delle riserve della polizia sui rischi legati all’evento.  

Accuse che il primo cittadino della Cdu rispedisce al mittente, sostenendo di non essere mai stato messo in guardia sulla questione sicurezza.
 
Sabato intanto, proprio a Duisburg, alla presenza del cancelliere tedesco Angela Merkel si terranno i fumerali delle vittime. Assente il sindaco.

Le esequie di Giulia Minola, la ventunenne bresciana che in Germania ha perso la vita, si svolgeranno invece venerdì nella Cattedrale della città lombarda.