ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Wikileaks irresponsabile". Washington e Londra al contrattacco

Lettura in corso:

"Wikileaks irresponsabile". Washington e Londra al contrattacco

Dimensioni di testo Aa Aa

Un’irresponsabile fuga di notizie, che rischia di mettere in pericolo vite e strategia delle truppe occidentali in Afghanistan. Unanime la condanna di Wikileaks da parte di Londra e Washington.
Senza entrare nel merito né smentirle, entrambe puntano il dito contro le rivelazioni del sito web di Julian Assange: rapporti segreti militari che proverebbero soprattutto doppio gioco dei servizi pakistani e insabbiamento di stragi civili.

“E’ evidente – dice il fondatore australiano dell’organizzazione che dal 2006 promuove la diffusione online di informazioni riservate – che quanto emerge delinea un quadro di come sia stata condotta la guerra negli ultimi sei anni e di quanto sia urgente cambiare rotta. Quanto invece non è ancora chiaro è come cambiarla”.

“Una fotografia desolante di una guerra prossima al fallimento” il bilancio del quotidiano britannico ‘Guardian’: risalenti a un periodo fra il 2004 al 2010, gli oltre 91.000 documenti gettano nuove ombre sulla strategia occidentale in Afghanistan.

Accuse, che l’ex comandante britannico Richard Kemp rispedisce al mittente, accusando Wikileaks di irresponsabilità: “Si tratta di informazioni – dice – che non aiutano a comprendere questa guerra, né tantomeno a cambiarne il corso. Potrebbero anzi mettere in pericolo i nostri soldati e aiutare i taliban a raggiungere i loro obiettivi”.

E mentre il Pakistan nega di aver prestato sostegno ai taleban, fuori dal coro è la voce di Berlino, che tramite il Ministro degli esteri Guido Westerwelle invita a un serio esame dei documenti diffusi da Wikileaks.