ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kosovo, Belgrado contrattacca

Lettura in corso:

Kosovo, Belgrado contrattacca

Dimensioni di testo Aa Aa

A Pristina si festeggia il pronunciamento della Corte internazionale di giustizia che ieri ha dichiarato legittima la proclamazione unilaterale di indipendenza fatta dal Kosovo nel febbraio 2008.
Il primo ministro kosovaro Hashim Thaci era a Washington nel momento in cui la Corte emetteva il suo giudizio.

“In nome del governo e del popolo del Kosovo – ha detto – lancio un appello a tutti i Paesi affinché riconoscano il Kosovo, perché è la decisione giusta ed è questo il momento di farlo”.
Territorio popolato da due milioni e mezzo di persone, per il 90 per cento di etnia albanese, il Kosovo è attualmente riconosciuto da 69 Paesi.

La Serbia, da cui la provincia si è distaccata, insiste che non accetterà mai la sua indipendenza.
“Molti Paesi – ha affermato il presidente Boris Tadic – riceveranno pressioni per riconoscere il Kosovo prima del dibattito all’assemblea generale delle Nazioni Unite. La Serbia farà tutto il possibile perché ciò non avvenga e per fare approvare, il prossimo autunno una propria risoluzione”.

Belgrado punta a raggiungere un compromesso sullo stato della sua ex provincia, compromesso che non è mai stato raggiunto durante anni di negoziati.