ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia: coperto il ghiacciaio dell'Aiguille Rouge

Lettura in corso:

Francia: coperto il ghiacciaio dell'Aiguille Rouge

Dimensioni di testo Aa Aa

Anche la Francia inizia a coprire i propri ghiacciai. La tecnica, che tenta in qualche modo di ridurre lo scioglimento causato dall’effetto serra, è stata applicata all’Aiguille Rouge, in Savoia.

Negli ultimi 25 anni il ghiacciaio si è ritirato di un centinaio di metri. Costo dell’operazione: circa 30.000 euro.

“Riflette i raggi del sole – sostiene François Bernier, dipendente della stazione sciistica – e protegge il ghiaccio sottostante, evitandone lo scioglimento, o almeno riducendone lo scioglimento”.

Per istallare l’enorme telo geotessile, che alcuni esperti ritengono però inutile, ci sono voluti due giorni e il lavoro di dieci uomini coadiuvati da un elicottero.

“Un ghiacciaio con piccole dimensioni e situato sotto i tremila metri…penso abbia i giorni contati. Invece – aggiunge Gilles Grand, direttore aggiunto al servizio sulle piste di Arcs – un ghiacciaio più importante come questo, che si trova in una vallata, grazie all’azione dell’uomo, ha la possibilità di rigenerarsi, di rialimentarsi e penso abbia buone speranze di sopravvivere”.

Il telo protettivo che respinge i raggi UV copre quattromila metri quadrati. È un’operazione che in Svizzera e in Austria, i primi due Paesi che l’hanno applicata, normalmente viene effettuata in primavera.

Anche in Italia, da qualche tempo, si prova a ‘mettere una pezza’ (è il caso di dirlo) allo scioglimento dei ghiacciai.