ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Kosovo, oggi il verdetto de L'Aja

Lettura in corso:

Kosovo, oggi il verdetto de L'Aja

Dimensioni di testo Aa Aa

Kosovo: il verdetto più atteso. Oggi la Corte Internazionale di Giustizia de L’Aja si pronuncia sulla legittimità dell’indipendenza dalla Serbia, dichiarata unilateralmente da Pristina a febbraio 2008. Una decisione le cui implicazioni travalicano di molto i confini del piccolo e giovane Stato balcanico.

“Chiediamo alla Serbia di riconoscere i fatti” dice il ministro degli Esteri kosovaroSkender Hyseni. “E i fatti sono che il Kosovo è un Paese, formalmente riconosciuto da tanti altri Paesi nel mondo e che diventerà membro della comunità internazionale a tutti gli effetti”.

Alla dichiarazione d’indipendenza fecero seguito proteste e disordini, a partire da Mitroviça, divisa tra comunità serba e albanofona. Ma 70 Paesi hanno riconosciuto Pristina. L’anno scorso Belgrado si è rivolta alla Corte de L’Aja su quello che considera un atto illegale.

“Attendiamo di sapere se in futuro i confini degli Stati membri delle Nazioni Unite saranno al sicuro, al sicuro dai secessionisti” ha detto il ministro degli Esteri serbo Vuk Jeremic. Sapremo se una dichiarazione unilaterale di secessione diverrà una norma legale”.

Il giudizio della Corte non è vincolante, ma attesissimo per la capacità di creare un precedente. Casi come quello dell’Ossezia del Sud e dell’Abkasia, province georgiane teatro della guerra con la Russia nel 2008, sono esemplari. Ma dai Paesi Baschi a Pontida, sono in molti ad attendere la sentenza.