ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Karzai: 2014, sicurezza Afghanistan agli afgani

Lettura in corso:

Karzai: 2014, sicurezza Afghanistan agli afgani

Dimensioni di testo Aa Aa

Il New Deal dell’Afghanistan, l’autentico inizio della transizione, come lo ha definito il Segretario dell’Onu Ban Ki-moon. La conferenza internazionale che ha riunito in una Kabul blindata oltre 60 tra capi di Stato, istituzioni e organizzazioni internazionali è stata acclamata come un successo. Al centro della nuova visione che dovrà porre fine a 9 anni d’insuccessi una data: il 2014, anno in cui la sicurezza dell’Afghanistan sarà in mano agli afghani, come ha detto il Presidente Hamid Karzai.

“Sono fiducioso che da qui al 2014 avremo la capacità di provvedere da soli alla nostra sicurezza, impiegando solo le nostre forze armate”.

Kabul avrà inoltre la gestione diretta di più della metà degli aiuti internazionali. Non senza una contropartita: intensificare la lotta alla corruzione, riaffermare il primato e l’affidabilità del diritto.

Altro punto chiave, forse il più delicato nel breve periodo, i finanziamenti per il reintegro degli insorti. Karzai ha aperto le porte a tutti quelli che ha definito “membri afghani dell’opposizione armata”: abbandonando la guerriglia, potranno partecipare al processo di stabilizzazione del Paese.

E il sostegno dei taleban moderati è talmente cruciale che 200 milioni di dollari è la cifra stanziata per guadagnare il loro sostegno.