ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La Cina conferma, licenza rinnovata a Google

Lettura in corso:

La Cina conferma, licenza rinnovata a Google

Dimensioni di testo Aa Aa

Google si è impegnato a rispettare le leggi cinesi. Pechino conferma così il rinnovo della licenza al motore di ricerca. Il 9 luglio la società statunitense aveva annunciato il via libera della Cina, che le permette di restare sul suo mercato.

Un accordo arrivato dopo mesi di polemiche: Google denunciava il peso della censura e i cyberattacchi provenienti dalla Cina.

Un alto funzionario del ministero dell’industria e della tecnologia informatica spiega il compromesso raggiunto: “Google non fornirà nessuna informazione che possa danneggiare la sicurezza e gli interessi nazionali della Cina e fomentare l’odio etnico”, ha affermato Zhang Feng, “non diffonderà informazioni di natura superstiziosa, non minaccerà la stabilità sociale e non farà circolare informazioni di carattere pornografico, violento e altri contenuti indecenti”.

A marzo Google aveva deciso di reindirizzare automaticamente gli utenti del suo sito cinese su quello di Hong Kong per sfuggire alla censura che colpisce in particolare l’opposizione politica e i dissidenti tibetani.

All’inizio di luglio la retromarcia, con il ripristino del sito cinese e un link per passare alla versione di Hong Kong.